Everyday arts & poetry magazine

Una presunzione

Illustration by Selene Boscarolo - Incontro tra parti, dettaglio

Illustration by Selene Boscarolo – Incontro tra parti, dettaglio


A Conceit

By Maya Angelou

 

Give me your hand

 

Make room for me

to lead and follow

you

beyond this rage of poetry.

 

Let others have

the privacy of

touching words

and love of loss

of love.

 

For me

Give me your hand.

 

 

 

Una presunzione

 

Dammi la tua mano

 

Fammi spazio

per guidarti e seguirti

al di là di questa rabbia di poesia.

 

Lascia che altri abbiano

l’intimità di

parole toccanti

e l’amore dell’amore

che si perde.

 

Per me

Dammi la mano.


A conceit non ha bisogno di molte parole. È, a mio parere, una delle poesie più toccanti di Maya Angelou. Parole toccanti. Appunto. Il verso centrale della poesia. Quello che fornisce una possibile chiave di lettura del titolo: una presunzione.

Questa perla nell’opera poetica dell’autrice è una vera e propria dichiarazione/richiesta d’amore. Un appello in favore del vero amore piuttosto che dell’idea o delle parole su di esso. Parole toccanti è in contrasto con dammi la mano, verso che apre e chiude il testo. Il contatto fisico come essenza del sentimento. Un bisogno di tenerezza espresso in modo così delicato da far sembrare questa poesia una preghiera.

Il titolo è provocatorio. E spiritoso: l’autrice, dopotutto, scrive una poesia in cui chiede di allontanarsi proprio dalle parole e quindi anche dalla poesia stessa, in favore della realtà, del corpo. Qui sta la presunzione. Nel provare a fare ciò che si nega.

È come se il vero amore, a lungo andare si perdesse, sbiadisse, nelle parole. È un invito all’azione: dammi la mano, fammi spazio / per guidarti e seguirti. Ma, dopotutto, anche scrivere è un azione. Fisica. Reale. Coinvolge l’essere umano nella sua totalità. A conceit è una poesia misteriosa. Come l’amore. Che, come scrive Hans Christian Andersen, tende un ponte tra il tempo e l’eternità. Come la poesia.


Traduzione: Davide Ferrari
Advertisements

Say it!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s

Basic HTML is allowed. Your email address will not be published.

Subscribe to this comment feed via RSS

%d bloggers like this: