Una donna fenomenale

Illustration by Megan Lewis

Phenomenal Woman

by Maya Angelou

 
Pretty women wonder where my secret lies.
I’m not cute or built to suit a fashion model’s size
But when I start to tell them,
They think I’m telling lies.
I say,
It’s in the reach of my arms
The span of my hips,
The stride of my step,
The curl of my lips.
I’m a woman
Phenomenally.
Phenomenal woman,
That’s me.

 
I walk into a room
Just as cool as you please,
And to a man,
The fellows stand or
Fall down on their knees.
Then they swarm around me,
A hive of honey bees.
I say,
It’s the fire in my eyes,
And the flash of my teeth,
The swing in my waist,
And the joy in my feet.
I’m a woman
Phenomenally.
Phenomenal woman,
That’s me.

 
Men themselves have wondered
What they see in me.
They try so much
But they can’t touch
My inner mystery.
When I try to show them
They say they still can’t see.
I say,
It’s in the arch of my back,
The sun of my smile,
The ride of my breasts,
The grace of my style.
I’m a woman
Phenomenally.
Phenomenal woman,
That’s me.

 
Now you understand
Just why my head’s not bowed.
I don’t shout or jump about
Or have to talk real loud.
When you see me passing
It ought to make you proud.
I say,
It’s in the click of my heels,
The bend of my hair,
the palm of my hand,
The need of my care,
‘Cause I’m a woman
Phenomenally.
Phenomenal woman,
That’s me.

 

 

Una donna fenomenale

 
Le belle donne si chiedono dove stia il mio segreto.

Io non sono attraente e non ho misure da modella

ma quando comincio a raccontare,

pensano che io stia dicendo bugie.

Io dico,

è nell’estensione delle mie braccia

nelle curve dei miei fianchi,

nell’andatura del mio passo,

nel ricciolo delle mie labbra.

Sono una donna

fenomenale.

Una donna fenomenale,

questa sono io.

 

Io entro in una stanza

tanto disinvolta come piace a te,

agli uomini,

i maschi rimangono fermi o

cadono in ginocchio.

Poi sciamano attorno a me,

un alveare di api.

Io dico,

è il fuoco nei miei occhi,

e il bagliore dei miei denti,

l’ondeggiare del bacino,

la gioia nei miei passi.

Sono una donna

fenomenale.

Una donna fenomenale,

questa sono io.

 

Gli uomini stessi si sono chiesti

cosa vedono in me.

Ci provano così tanto

ma non possono toccare

il mio mistero più profondo.

Quando provo a mostrarglielo

dicono che ancora non riescono a vederlo.

Io dico,

è l’arco della mia schiena,

il sole del mio sorriso,

la curva dei miei seni,

la grazia del mio stile.

Sono una donna

fenomenale.

Una donna fenomenale,

questa sono io.

 

Ora voi capite

perché il mio capo non è chino.

Io non grido o salto su,

non devo parlare tanto forte.

Quando mi vedete passare

dovreste essere orgogliosi.

Io dico,

è nel rumore dei miei tacchi,

la piega dei miei capelli,

il palmo della mia mano,

il bisogno delle mie attenzioni,

perché io sono una donna

fenomenale.

Una donna fenomenale,

sono io.


Phenomenal woman è una delle poesie più famose e rappresentative di Maya Angelou. Questo testo è una sorta di manifesto ideale della bellezza femminile: esprime la convinzione che tutte le donne siano belle non tanto per l’aspetto fisico ma per il mistero che la loro anima custodisce.

Nel corso della sua vita l’autrice ha affrontato la discriminazione costante in quanto donna, donna afro-americana, fino a diventare una figura chiave del Movimento Americano per i Diritti Civili. Nonostante tutto, ha sempre trovato il coraggio di rialzarsi e, grazie alla sua opera e al suo impegno civile, di condividere la propria storia. Non per insegnare qualcosa; per trasmettere quel coraggio, quella forza di non abbassare mai la testa e quella volontà di denunciare una realtà che, spesso, ha poco a che vedere con la giustizia.

Nel testo Maya Angelou descrive la reazione delle persone al suo passaggio, tutte accomunate dal senso di meraviglia. Il ritmo della poesia, specialmente in lingua originale, insieme al significato dei versi, ci trasmette l’energia dell’incedere di questa donna. È come una sfilata. Che non ha niente a che vedere con la moda. È una sfilata sulla passerella reale della vita.

La poesia parla a tutte le donne. E sembra chiedere: e tu, che donna sei? Sembra voler incoraggiare ogni donna a definire se stessa. Non per il look, la popolarità o per il colore e la piega dei capelli. Sembra voler dire: come ti senti con te stessa, con il tuo mondo interiore e in relazione agli altri?

Maya ci dice di più. Non crede in quel senso di perfezione e all’artificioso “bello a tutti i costi” che finisce col diventare lo scopo di ogni manifestazione di se stessi. È convinta che ognuno dovrebbe trovare la sua soddisfazione nella consapevolezza della propria unicità; non seguire la stella di nessun altro né quelle pallide del successo e della popolarità; creare la propria galassia personale che doni luce alla propria vita.

I versi finali di ogni strofa sono ripetuti come un mantra; quasi per ricordare continuamente a se stessa la propria identità. Per marcare il tema centrale della poesia: un’attitudine all’autenticità. Maya Angelou ci dice che la naturalezza e l’aperta aggressività del suo modo di essere sono le qualità che la rendono così attraente e seducente agli occhi degli uomini. Tuttavia non suggerisce alle donne come dovrebbero essere per gli uomini. Piuttosto pensa che le donne, artificiosamente e senza un motivo veramente valido, si sforzano di aderire ad uno standard sociale di bellezza che finisce col glorificare l’innaturalezza.

Una donna non ha bisogno di ricordare al mondo quanto sia speciale: Io non grido o salto su / non devo parlare tanto forte. È come se una donna consapevole fosse un quadro d’autore: ammirato dagli spettatori, mostra la sua bellezza semplicemente esistendo. Una donna è fenomenale solo se è se stessa. Autentica.

Le donne spendono milioni di dollari ogni anno per riviste di bellezza, per i locali giusti, o in altri modi per sembrare più giovani, più belle, più magre, o facendo qualsiasi altra cosa che pensano le renderà perfette. Phenomenal Woman dice che l’aspetto più importante della bellezza inizia nella mente.

Maya Angelou

Maya Angelou è stata intervistata da Oprah Winfrey (un’altra “donna fenomenale”) in occasione del suo ottantatreesimo compleanno. Oprah le ha chiesto cosa pensasse della vecchiaia e, direttamente in TV, lei ha risposto che è “eccitante”. Relativamente ai cambiamenti del corpo Maya ha affermato che ce ne sono tanti e ogni giorno. Dice:

Sembra che i miei seni stiano facendo a gara per vedere chi raggiungerà per primo il giro vita.

Il pubblico ha riso tanto da farsi venire le lacrime agli occhi.


Traduzione: Davide Ferrari

Annunci

Say it!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...