Everyday arts & poetry magazine

La linea alba di Antonio Santori

Please scroll down for the English translation of the poem.

C’è una poesia che sembra semplicissima e invece è molto profonda. E’ quella che chiude la silloge “La linea alba” di Antonio Santori, uno dei poeti italiani secondo me più interessanti, purtroppo scomparso prematuramente.

Per questo mentre
vivo tutto mi sembra
innominato.

In questi ultimi versi c’è l’essenza della poesia: vivere come se tutto fosse innominato, come se la realtà aspettasse il nostro personale nome per avere un rapporto autentico con essa.

La “linea alba” è anatomicamente una linea centrale sull’addome che spesso, nelle donne in stato di gravidanza, diviene visibile, imbrunendosi.

La linea alba di Antonio Santori

.Perché essere in questo luogo
è molto, e certo dire
dove siamo
è nostro compito
Oscurità e acque,
albe, ventre dell’inferno,
albero di prua, inseguimento.
E, vedi, il corpo,
il nostro corpo soltanto può dire
bianco, tellina, lontano, vento.
Blues, inverno, ombra
delle cose, aldilà.
Ascolta, bacio.
Pensaci,
è un privilegio dire
odore delle case, mano
sopra la pelle, la prima volta.
Dire infinito
nelle erbe, è accaduto,
è strano, sorellina, madre, stelle.
Dire
per sempre,
innevato, accanto,
spaventato,
Sono
esistito.
Per questo mentre
vivo tutto mi sembra
innominato.


E di seguito la mia personale traduzione inglese della poesia per cui ringrazio di cuore Jurga per i suoi fondamentali suggerimenti.

The “linea alba” is an anatomic term that refers to the central line of the abdomen that, in case of pregnant women, often becomes visible.

The Linea Alba by Antonio Santori

.Because being in this place
is much, and sure to say
where we are
is our task.
Dark and waters,
dawns, belly
of hell,
foremast, chase.
And, you see, the body,
our body only can say
white, tellina, far away, wind.
Blues, winter, shadow
of things, beyond.
Listen, a kiss.
Think about it,
it’s a privilege to say
smell of the houses, hand
above the skin, the first time.
To say infinite
in the grass, it happened,
it’s strange, little sister, mother, stars.
To say
forever,
snowy, nearby,
frightened,
I have
existed.
That’s why while
I live all appears to me
unnamed.

Words by Davide
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Advertisements

Say it!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s

Basic HTML is allowed. Your email address will not be published.

Subscribe to this comment feed via RSS

%d bloggers like this: